martedì 6 dicembre 2016

Costruirsi uno stile


Lo stile è la maniera in cui un autore riesce a esprimersi in maniera personale. Rappresenta la sua sensibilità e il suo modo di vedere il mondo, nonché di trasmettere determinate emozioni; è un'interpretazione, una sfumatura, una distinzione, un qualcosa che fa la differenza fra un autore e un altro.

Per sviluppare uno stile maturo è necessario però approfondire la tecnica, altrimenti anche un autore dotato di un ottimo talento innato rischia di passare per piatto e impersonale.

La maggior parte dei testi scritti dagli esordienti è priva di stile, potrebbe trattarsi di chiunque, non c'è un andamento che faccia pensare a una particolare personalità.

Un vocabolario limitato, poi, accresce questo senso di 'acerbo', che spesso, a causa di un background limitato ai testi scolastici, assume un tono lento e sorpassato.

Uno scrittore dovrebbe invece essere in grado di personalizzare i propri testi, già in fase di scrittura, ma anche in seguito, in corso di limatura.

Un linguaggio pomposo, forzatamente aulico, non dà in verità l'impressione di uno stile ricco e ricercato; il caricare rende semmai l'insieme artificioso. Certi passaggi risaltano troppo rispetto al resto della narrazione, e stonano, non essendo funzionali, ma semplicemente buttati lì perché si ritiene che facciano effetto. Sono espedienti che infastidiscono.

Ovviamente si tratta di un processo che renderà la persona sempre più riconoscibile con il passare del tempo; ma, come per ogni aspetto che riguarda la scrittura, è sempre bene non affrettare i tempi, per non pentirsi mai di aver dato alle stampe qualcosa che a posteriori potrebbe sembrarci non ancora pronto.

Nessun commento:

Posta un commento